Novità,  Shooting Fotografico

Un piccolo bagno en suite

Se “apri quella porta”, mimetizzata a parete da una carta da parati botanica su fondo nero, scopri un minuscolo bagno en suite.
Il bagno è costruito in un angolo della camera da letto di un loft milanese, che io ho arredato, in un eclettico stile a metà tra il neo romantico e lo stile “boho chic”.

Progetto Architetto Toni Smania S+3 Architetti-Vicenza. Decor, testo e foto Donnarita

STORIA DEL PROGETTO
Spazio ridottissimo

Nella ristrutturazione di questo loft milanese è stato chiesto all’architetto Smania di ricavare un piccolo bagno nella già ridotta zona notte. Considerate le misure minime dello spazio, è stato fatto un miracolo, creando una sorta di scatola dalla parete curva alla destra del letto.
Un terzo dello spazio del bagnetto è stato destinato a un grande box doccia che si staglia frontale ed il resto a sanitari e lavandino. A terra è presente lo stesso parquet di legno evaporato che è stato posato in tutti gli spazi del loft.
Io mi sono occupata della scelta dei sanitari e dell’arredo.

Scelta dello stile

Lo stile che ho scelto è un mix tra due stili, il “Boho Chic” e il Neo Romantico.

Cos’è lo stile boho chic? Si tratta dell’unione di due parole, boho, abbreviazione di bohemian che era lo stile eclettico di vita degli artisti del 1800 e chic, il termine francese che significa eleganza. Questo stile è nato nella moda nei primi anni 2000 per passare poi al decor e all’arredamento. Il boho chic in arredo mette insieme diversi stili, da quello etnico al Far West, dall’Hippy allo stile nordico tutto unito da piante verdi, stile botanico e pezzi unici.

Neo Romantico perché ho scelto di usare un rivestimento a piastrelle “diamantine” bianche, ispirate alle pareti della metro parigina, di Ceramica CE.SI. Per contrasto le pareti e il soffitto sono state dipinte con uno smalto nero satinato di Sikkens. Il contrasto tra il bianco delle piastrelle e il nero delle pareti dilata l’ambiente invece di restringerlo. Ho usato il Boho Chic per il pavimento di legno, la carta da parati botanica alla porta e lo specchio dell’800 spagnolo e ultimo tocco la pianta verde all’interno del box doccia appoggiato alla piccola finestra.

Ecco qui a fianco un esempio di arredamento “boho chic” al quale mi sono ispirata per l’arredo del piccolo bagno. Il contrasto tra bianco e nero. I quadri romantici e le immagini botaniche sulla stampa dei cuscini oltre alla pianta da appartamento e tutto mixato con una lampada di design in stile nordico anni ’60.

Lo stile sta tutto nei dettagli

Si può arredare un bagno in modo diverso dal solito? A mio avviso oggi le proposte di arredo bagno sono tutte molto fredde. Per me invece il bagno è un luogo intimo e deve accogliere, per questo ho scelto di creare una piccola scatola dove i sanitari e la doccia modernissimi spariscano per lasciare spazio all’emozione di piccoli dettagli, non per forza costosi.

In evidenza a sinistra uno specchio ovale dell’800 spagnolo caratterizzato dalle modanature colorate. Arriva da Madrid e l’ho acquistato su Wallapop per l’incredibile cifra di 23€! Si vedono poi i dettagli che fanno la differenza, gli asciugamani di Missoni Home Collection con i colori in coordinato con la cornice dello specchio.

A sinistra una piccola scultura di gesso dei primi del 900 acquistata al mercatino dell’antiquariato dei Navigli a Milano e a fianco una pianta di epiphyllum acquistata da Ikea. A fianco la vista dell’interno della doccia dove ha trovato posto anche una scaletta porta asciugamani posizionata dalla parte opposta del soffione doccia.

Ultimo dettaglio sulla parete opposta allo specchio: le stampe alla parete incorniciate. Fanno parte di un libro francese edito da Marabout dove sono reinventati motivi art deco disegnati a tratto. Femmes Fleurs & autres reveries

Ti sono piaciute le mie idee? Vuoi una mia consulenza per il tuo arredamento o per cercare le giuste soluzioni? Trovi nel mio shop su misura la possibilità di avere Donnarita tutta per te, per creare o per definire insieme a te e solo per te, il tuo progetto. 

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *